RETRACKING

TO11

Rafforzare la capacità istituzionale delle autorità pubbliche e delle parti interessate e un'amministrazione pubblica efficiente

Il progetto in numeri
Durata:
27 mesi
Inizio: 25.09.17
Fine: 24.12.19
N. Partner: 5
 
Stato di avanzamento del progetto
Budget totale:
1.494.985,00€
Contributo FESR:
1.270.737,25€

The project in numbers

Durata: 
27 mesi
Start / End: 
25.09.17 to 24.12.19
Stato avanzamento progetto: 
37%
Budget: 
1494985.00€
Contributo FESR: 
1270737.25€

RETRACKING

Verso l’economia circolare: tracciabilità dei manufatti in Compositi Fibro Rinforzati (CFR)
Asse prioritario 3

Protezione e promozione delle risorse naturali e culturali

Obiettivo specifico: 
OS 3.3.
Priorità d'investimento: 
PI 6f
Tipologia: 
Standard
Obiettivo Complessivo del Progetto: 

Sviluppo di un modello di gestione competitivo conforme ai regolamenti europei per il riciclaggio dei rifiuti di CFR, che consenta il riciclo, l'analisi, la produzione, l'identificazione e la tracciabilità di un "materia prima secondaria"e creare le condizioni per passare da un’economia lineare all’economia circolare. Il progetto soddisfa l'obiettivo specifico del programma 3.3 in quanto prevede lo sviluppo e la sperimentazione di tecnologie innovative per la gestione dei rifiuti.

Sintesi del progetto: 

Mezzo secolo di produzione di CFR ha generato 80 milioni di tonnellate di prodotti destinati al fine vita senza soluzioni efficienti per il riciclo. Dagli inizi degli anni 60, la produzioni di manufatti in vetroresina è stata totalmente dominante nella produzione di massa ed impiegata in diversi settori industriali, per i bassi costi di produzione. Attualmente il problema del loro smaltimento al termine del ciclo vita è diventato un’emergenza mondiale in quanto non esiste ancora un efficace sistema di smaltimentoDall’economia lineare all’economia circolare. Obiettivo del progetto è di contribuire a creare le condizioni per passare da un’economia lineare ad un’economia circolare per il settore produttivo dell’area, contribuendo all’attuazione della COM(2015) 614 “ L'anello mancante - Piano d'azione dell'Unione europea per l'economia circolare”, proponendo un modello di economia circolare per la produzione di una “materia prima secondaria” proveniente da rifiuti di CFR (compositi fibrorinforzati).Il riciclo della vetroresina è un’opportunità per trasformare un problema ambientale in occupazione e nuove risorse economiche:- crescita culturale di tutta l’area di programma in materia di riuso, riduzione e recupero dei rifiuti, per i quali esiste già un’attenzione alle opportunità derivanti dalla "green economy" in grado di generare vantaggi sia a livello ambientale che economico; - potenziale enorme per lo sviluppo di prodotti innovativi; - beneficio ambientale per la riduzione dei materiali conferiti in discarica e l’individuazione delle rottamazioni dolose; - benefici economici derivanti dall’impiego di materie prime a basso prezzo, provenienti da rifiuti; - benefici occupazionali con la creazione di nuovi posti di lavoro. La valenza di avere un partenariato misto italo-sloveno risiede nella possibilità di testare la funzionalità del sistema in ambito transfrontaliero per poterlo riproporre in altre aree europee con problematiche simili a quella di programma. xxx

Risultati principali: 

Garantire una gestione efficace del recupero, trattamento dei rifiuti di CFR e la loro trasformazione in "materia prima secondaria" da utilizzare per la fabbricazione di nuovi prodotti che sono riciclabili al 100%. 3.3. Livello di applicazione transfrontaliera di tecnologie e processi verdi. Il progetto intende contribuire alla diffusione ed all’informazione della tecnologia RFM e dei vantaggi connessi all’adozione di questa tecnologia per l'uso "materie prime secondarie", per le aziende nel settore del recupero e trattamento dei rifiuti e per i produttori di materiali compositi insediati dell’area di programma.Accesso alle informazioni sulla classificazione del rifiuto, da parte autorità competenti, produttori e consumatori, tramite il tracciamento dei nuovi prodotti generati dal processo di riciclo, e attraverso l’uso combinato di app, chip RFID e codici QR per fornire informazioni alla filiera di produzione sulla classificazione e l'origine del materiale.3.3. Livello di applicazione transfrontaliera di tecnologie e processi verdi. Un esempio è il quadro giuridico e normativo per i sistemi di raccolta, gestione e tracciabilità dei rifiuti che ha un impatto significativo in un contesto transfrontaliero dove si hanno norme e procedure diverse. Da questo punto di vista è di vitale importanza sviluppare azioni fortemente integrate con le norme ed i regolamenti in uso. Il progetto prevede la progettazione di una infrastruttura tecnologica che permette la marcatura del pannello prodotto inserendo un tag RFID, la tracciabilità dei manufatti in CFR e una piattaforma web cloud per la gestione delle informazioni relative alle varie fasi di riciclo e di trasformazione.Lo sviluppo congiunto di un processo di valorizzazione dei rifiuti e degli scarti di produzione, di controllo e monitoraggio dei nuovi prodotti, verrà fatto con lo sviluppo di un progetto pilota per verificare la funzionalità del metodo individuato e la sua replicabilità nell’intero territorio europeo. Il risultato di progetto sarà, quindi, un prototipo di una infrastruttura tecnologica per la marcatura con RFID degli oggetti in CFR e di una banca dati per il monitoraggio e la gestione delle informazioni.

Partner

Partner capofila

Polo Tecnologico di Pordenone SCpA

Pordenone
ITA

Partner progettuale n.1

Gees Recycling srl

Pordenone
ITA

Partner progettuale n.2

Zavod za gradbeništvo Slovenije

Osrednjeslovenska
SLO

Partner progettuale n.3

Infordata Sistemi Srl

Trieste
ITA

Partner progettuale n.4

Gospodarska Zbornica Slovenije

Osrednjeslovenska
SLO

Documenti di progetto

Poster evento annuale 30/05/2018Poster evento annuale 30/05/2018
RETRACKING_ITA_2.pdf
( 534 byte, pubblicato il 26 Luglio, 2018 - 11:17 )

Obiettivi e attività

OBIETTIVI PRINCIPALI DEL PROGETTO

Obiettivo finale del progetto RETRACKING è lo sviluppo di un modello competitivo  per la gestione  dei rifiuti in CFR , che consenta la mappatura, il riciclo dei rifiuti e la tracciabilità dei prodotti derivanti dal riciclo. creando le condizioni per passare da un’economia lineare a un modello di economia circolare.

 

SITUAZIONE ATTUALE DELL’IMPLEMENTAZIONE PROGETTUALE (30/05/2018)

Il progetto Retracking procede secondo quanto pianificato verso il raggiungimento degli obiettivi finali: il 29 gennaio 2018 si è tenuta la conferenza iniziale; è stato definito il layout dell'impianto pilota per il riciclo e la trasformazione dei rifiuti in vetroresina insieme al primo sviluppo dell’infrastruttura informatica sulla tracciabilità dei rifiuti. Per determinare il flusso di rifiuti in vetroresina nell'area di programma è stato concluso il catalogo di rifiuti di possibili prodotti di scarto che servirà a coinvolgere gli stakeholder mappati.

Contatti

Polo Tecnologico di Pordenone SCpA

0039 0434504411
Via Roveredo 20/b, 33170 Pordenone, Italia
Massimiliano Bertetti

Gees Recycling srl

0039 0434654183
Via I° Maggio 8, 33070 Budoia, Italia
Mioni Franco

Zavod za gradbeništvo Slovenije

00386 (0) 12804251
Dimičeva ulica 12, 1000 Ljubljana, Slovenija
Alenka Mauko Pranjic

Infordata Sistemi Srl

0039 040367189
Strada per Vienna 55/1, 34151 Trieste, Italia
Marko Petelin

Gospodarska Zbornica Slovenije

00386 (0) 15898196
Dimičeva 13, 1504 Ljubljana, Slovenija
Antonija Božič Cerar