Stato dell’arte

Relativamente al nuovo Programma di Cooperazione INTERREG Italia-Slovenia per il settennio 2021-2027, l’Autorità di gestione del Programma in corso aveva già proposto un punto all’ordine del giorno del 9° e 10° Comitato di Sorveglianza, svoltisi a ottobre e dicembre 2018.

Lo scorso maggio 2019, la Commissione Europea, per il tramite della sua rappresentante presso il Comitato di Sorveglianza e in concomitanza dell’11° incontro, ha illustrato un documento di orientamento per la preparazione del programma INTERREG 2021-2027 predisposto dalla Direzione generale Politica regionale e urbana della CE ed intitolato “Border Orientation Paper-Italy- Slovenia” (BoP).

La rappresentante della DG Regio ha sollecitato il Comitato ad attivare la fase programmatoria 2021-2027.

A settembre 2019, nel corso del 12° incontro del Comitato di Sorveglianza, l’Autorità di gestione, ha presentato la documentazione tecnica propedeutica alla formale istituzione della Task Force di programmazione, previa designazione dei rappresentanti da parte dei due Stati membri.

La Task Force è stata istituita e si è riunita in prima seduta il 12 novembre 2019, approvando il proprio Regolamento interno. Alla TF sono stati presentati il questionario per l’avvio della consultazione pubblica, una tempistica di massima della fase programmatoria nonché una previsione dei costi delle prime attività preparatorie. La Task Force ha deciso che, prioritariamente a ogni altra decisione, fosse da avviare una procedura di candidatura per istituire la nuova Autorità di Gestione.

Una prima procedura scritta è stata conclusa in tal senso a fine 2019, le candidature sono state ricevute ma non è stata ad oggi stata nominata l’Autorità di gestione 2027.

Durante il periodo di lockdown da febbraio ad aprile 2020, tre incontri proposti dall’AdG per la Task Force (uno in presenza e due virtuali) sono stati cancellati.

Tramite la seconda procedura scritta sono state approvate modifiche al Regolamento interno della Task Force (regolamento e allegato).

La Task Force si è incontrata virtualmente nella sua 2°, 3°, 4° e 5° riunione rispettivamente il 27 maggio 2020, il 10 giugno, il 7 e 23 luglio 2020 per discutere sulla nomina dell’Autorità di Gestione, sugli approcci strategici da adottare per la nuova programmazione (cfr. analisi 0, analisi 1 e analisi 2), sulla procedura di selezione degli esperti per gli incarichi di stesura dei documenti di programma e sul lancio della procedura di consultazione. Il Friuli Venezia Giulia è stato riconfermato come Autorità di Gestione 2021-2027.

È stato pubblicato un primo questionario per la consultazione pubblica che resterà aperto per due mesi al fine di raccogliere suggerimenti e contributi da parte dei beneficiari passati e presenti, ma anche del pubblico per lo sviluppo del nuovo Programma 2021-27.

Nessuna decisione definitiva è invece finora stata presa per gli altri punti in discussione.

Ad oggi, restano ancora non determinate le risorse finanziarie disponibili e la definizione dell’area geografica ammissibile.