PRIMIS

TO6

Preservare e tutelare l'ambiente e promuovere l'uso efficiente delle risorse

Il progetto in numeri
Durata:
36 mesi
Inizio: 01.01.19
Fine: 31.12.21
N. Partner: 10
 
Stato di avanzamento del progetto
Budget totale:
2.823.529,41€
Contributo FESR:
2.399.999,98€

The project in numbers

Durata: 
36 mesi
Start / End: 
01.01.19 to 31.12.21
Stato avanzamento progetto: 
13%
Budget: 
2823529.41€
Contributo FESR: 
2399999.98€

PRIMIS

Viaggio multiculturale tra Italia e Slovenia attraverso il prisma delle minoranze
Asse prioritario 3

Protezione e promozione delle risorse naturali e culturali

Obiettivo specifico: 
OS 3.1.
Priorità d'investimento: 
PI 6c
Tipologia: 
Strategic
Obiettivo Complessivo del Progetto: 

L’obiettivo complessivo del progetto è la valorizzazione del patrimonio linguistico, culturale e naturale comune delle minoranze dell’area programma al fine di attrarre un turismo culturale sostenibile.

Sintesi del progetto: 

La sfida comune dell’area programma alla quale contribuirà il progetto PRIMIS è la "Conservazione, tutela e ripristino del patrimonio culturale e naturale”. L’obiettivo generale del progetto è la valorizzazione del patrimonio linguistico, culturale e naturale delle comunità linguistiche dell’area programma al fine di attrarre la domanda di turismo sostenibile. Quest'area è per sua natura un'area multiculturale e multilinguistica per lapresenza delle minoranze nazionali slovena e italiana e di altre comunità linguistiche (cimbri, ladini, friulani) che la rendono unica rispetto ad altri territori in Italia e in Slovenia. Il cambiamento che il progetto porterà sarà una nuova percezione dell’identità multiculturale e multilinguistica dell’AP sia per i turisti sia per i residenti. Gli output principali sono la realizzazione di 4 Centri multimediali di divulgazione delle specificità e  peculiarità delle comunità linguistiche autoctone; una piattaforma multimediale e una guida digitale; la valorizzazione e promozione di eventi culturali nell'AP; attività informative e formative per target group specifici. I beneficiari sono: turisti, residenti, giovani, PMI, partner del progetto. L’approccio che si prevede di adottare è di trasferire nel settore turistico e della promozione del territorio transfrontaliero le peculiarità multiculturali e multilinguistiche delle comunità autoctone con l’utilizzo di strumenti innovativi, interattivi e multimediali con realtà immersiva e virtuale nei Centri multimediali. L’approccio andrà oltre le attuali prassi del settore (mare-montagna) perché contribuirà a creare prodotti turistici basati sul patrimonio culturale e linguistico dell’AP. La cooperazione transfrontaliera è necessaria, perché mette insieme le diversità e lepeculiarità legate alla multiculturalità e multilinguismo creando un’immagine unica dell’AP. Il progetto è originale perché considera il patrimonio culturale materiale ed immateriale delle comunità linguistiche autoctone come valore aggiunto per un’attività economica, il turismo culturale e sostenibile.

Risultati principali: 

L’indicatore di risultato specifico per il programma per la PI 6c è “Il livello di cooperazione transfrontaliera nell’uso sostenibile, nella protezione e nella valorizzazione del patrimonio culturale e naturale dell’area programma”. Il primo principale risultato del progetto sarà un incrementata attrattività dell’area programma nel settore del turismo culturale sostenibile dovuta al valore aggiunto rappresentato dal patrimonio materiale e immateriale delle comunità autoctone. Il secondo risultato del progetto sarà una acquisita maggiore capacità degli attori locali pubblici e privati di comunicare il valore aggiunto
rappresentato dalle comunità autoctone sul territorio per il turismo culturale. Nella prima fase del progetto le attività sviluppate saranno dedicate alla elaborazione dei contenuti del patrimonio materiale e immateriale delle comunità autoctone dell’area di programma con la finalità di redigerli a fini turistici e utilizzarli con gli strumenti disponibili della ICT. La seconda e la terza fase del progetto sono incentrate sull’utilizzo del materiale prodotto nella prima fase a fini turistici e sullo sviluppo delle capacità degli attori locali pubblici e privati di comunicare in modo innovativo e adeguato ai target group di riferimento i contenuti selezionati ed elaborati nella prima fase. Il n. target del progetto è di 2000 nuovi visitatori raggiunti.

Partner

L’ampio partenariato guidato dall’Unione Italiana di Capodistria è composto da: Associazione temporanea di scopo PROJEKT, Regione del Veneto - Direzion e Relazioni Internazionali, Comunicazione e SISTAR - Unità Organizzativa Cooperazione Internazionale, CAN Costiera - Comunità autogestita costiera della nazionalità italiana di Capodistria, Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia – Direzione centrale cultura e sport, Unione Regionale Economica Slovena di Trieste (SDGZ-URES), Agenzia di sviluppo regionale RRA Zeleni kras di Pivka, Camera per il Turismo e l’Ospitalità della Slovenia (TGZS), Fondazione Centro Studi Transfrontaliero del Comelico e Sappada, VEGAL - GAL Venezia Orientale.

Sono partner associati del progetto il Ministero per gli sloveni nei paesi contermini e nel mondo e STO - Agenzia nazionale slovena per il turismo.

Partner capofila

Unione Italiana

Obalno-kraška
SLO

Associazione degli appartenenti alla Comunità Nazionale Italiana Unione Italiana

Partner progettuale n.1

ATS PROJEKT

Trieste
ITA

Associazione temporanea di scopo PROJEKT

Partner progettuale n.2

Regione del Veneto - Direzione Relazioni Internazionali, Comunicazione e SISTAR - Unità Organizzativa Cooperazione Internazionale

Venezia
ITA

Partner progettuale n.3

CAN Costiera

Obalno-kraška
SLO

Comunità autogestita costiera della nazionalità italiana

Partner progettuale n.4

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia – Direzione centrale cultura e sport

Trieste
ITA

Partner progettuale n.5

Unione Regionale Economica Slovena

Trieste
ITA

Partner progettuale n.6

RRA Zeleni kras, d.o.o.

Primorsko-notranjska
SLO

Partner progettuale n.7

Turistino Gostinska Zbornica Slovenije (TGZS)

Osrednjeslovenska
SLO

Partner progettuale n.8

Fondazione Centro Studi Transfrontaliero del Comelico e Sappada

Belluno
ITA

Partner progettuale n.9

GAL Venezia Orientale

Venezia
ITA

Documenti di progetto

Poster PRIMISPoster PRIMIS
PRIMIS project Poster.pdf
( 4 byte, pubblicato il 30 Aprile, 2019 - 12:33 )

Obiettivi e attività

1. Valorizzazione turistica del patrimonio linguistico e culturale materiale ed immateriale delle comunità autoctone presenti nell’area programma:

In destinazioni in cui sono presenti comunità di minoranza il turismo favorisce un’interazione diretta dei visitatori con la comunità locale e le sue abitudini e tradizioni attivando il c.d. “turismo culturale”. E poiché la cultura è una risorsa turistica, anche la cultura di minoranza lo è. Attraverso la propria cultura la minoranza fornisce un valore aggiunto all’offerta turistica della destinazione; e viceversa un turismo culturale consapevole può contribuire alla conservazione, e in molti casi, anche alla valorizzazione della cultura di minoranza.

2. Incremento delle capacità degli attori locali pubblici e privati di attrarre fruitori di turismo culturale sostenibile:

Il potenziamento dell’offerta turistica e la valorizzazione del patrimonio esistente per essere efficace a lungo termine deve coinvolgere attori pubblici, privati, cittadini, imprenditori. Solo attraverso una capillare attività di informazione e formazione sul territorio la capacità di aumentare l’attrattività del territorio può essere incrementata. PRIMIS prevede di implementare sia l’attività formativa per i gruppi target, sia l’implementazione di strumenti innovativi per diffondere conoscenza e riconoscibilità del patrimonio materiale e immateriale delle comunità linguistiche autoctone.

Attività

L’approccio prevede di coinvolgere gli operatori del turismo per dare la massima visibilità alle peculiarità culturali materiali e immateriali e linguistiche delle comunità autoctone, come valore aggiunto per lo sviluppo delle attività economiche e del turismo, con l’utilizzo di strumenti innovativi, interattivi e multimediali, anche sfruttando la realtà immersiva e quella virtuale. A questo scopo verranno realizzati quattro centri multimediali, volti alla divulgazione delle peculiarità delle comunità linguistiche autoctone, attivati tre infopoint che consentano al visitatore di creare nuovi percorsi, e una guida turistica digitale. Il tutto accompagnato da un’azione di valorizzazione e promozione di eventi culturali, di attività informative e formative, destinate soprattutto ai giovani, tra i quali verranno selezionati 10 Ambasciatori culturali.

Le attività sono affiancate anche da un importante investimento, che vede il recupero dell'ala destra di Palazzo Gravisi-Buttorai, a Capodistria. Il palazzo, uno dei maggiori esempi dell’architettura barocca della città, di proprietà dell’Unione Italiana, diventerà una sede destinata all'attività museale, didattica e formativa: insieme ai centri multimediali previsti dal progetto diffusi sul territorio transfrontaliero, costituirà una rete stabile di presentazione del patrimonio culturale e linguistico delle comunità autoctone dell’area.

Contatti

Unione Italiana

0038656311220
Via Župani / Županieva ulica 39, 6000, Koper, Slovenija
Gregorič Marko

ATS PROJEKT

+39 040 348 1586
Via / Ul. Coroneo 19, 34133, Trieste, Italia
Ivo Corva

Regione del Veneto - Direzione Relazioni Internazionali, Comunicazione e SISTAR - Unità Organizzativa Cooperazione Internazionale

+39 041 2794376
Palazzo Balbi – Dorsoduro 3901, 30123, Venezia, Italia
Francesca Toso

CAN Costiera

00386/(0)5/6279150
Via Župani/ Županieva ulica 18, 6000, Koper
Andrea Bartole

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia – Direzione centrale cultura e sport

+390403771111
Piazza Unità d’Italia 1, 34121, Trieste, Italia
Elena Mengotti

Unione Regionale Economica Slovena

040 6724850
Via Cicerone 8, 34133, Trieste, Italia
Andrej Šik

RRA Zeleni kras, d.o.o.

00386 5 72 12 243
Prena ulica 1, 6257, Pivka, Slovenija
Mateja Simi

Turistino Gostinska Zbornica Slovenije (TGZS)

00 386 1 58 98 230
Dimieva ulica 13, 1000, Ljubljana, Slovenija
Klavdija Perger

Fondazione Centro Studi Transfrontaliero del Comelico e Sappada

+39(0)435 62436
Via Dante Alighieri 3, 32045, Santo Stefano di Cadore
Livio Olivotto

GAL Venezia Orientale

+39 0421 394202
Via Cimetta 1,30026, Portogruaro, Italia
Cinzia Gozzo