EDUKA2

TO11

Rafforzare la capacità istituzionale delle autorità pubbliche e delle parti interessate e un'amministrazione pubblica efficiente

Il progetto in numeri
Durata:
20 mesi
Inizio: 01.09.17
Fine: 30.04.19
N. Partner: 6
 
Stato di avanzamento del progetto
Budget totale:
775.500,00€
Contributo FESR:
659.175,00€

The project in numbers

Durata: 
20 mesi
Start / End: 
01.09.17 to 30.04.19
Stato avanzamento progetto: 
100%
Budget: 
775500.00€
Contributo FESR: 
659175.00€

EDUKA2

Per una governance transfrontaliera dell'istruzione
Asse Prioritario 4

Rafforzare la capacità istituzionale e la "governance" transfrontaliera

Obiettivo specifico: 
OS 4.1.
Priorità d'investimento: 
PI 11CTE
Tipologia: 
Standard
Obiettivo Complessivo del Progetto: 

Il progetto vuole rafforzare la capacità di cooperazione istituzionale nel settore dell’istruzione. Le autorità pubbliche mobilitate saranno scuole e università assieme a operatori chiave quali centri di ricerca ed enti delle minoranze nazionali e linguistiche che si occupano di didattica. Si intende pianificare e realizzare soluzioni congiunte a sfide comuni con particolare riferimento allo sviluppo di strumenti di governance congiunti e a modelli didattici condivisi.

Sintesi del progetto: 

Il progetto affronta la sfida comune della debole capacità di cooperazione transfrontaliera nel settore dell’istruzione. L’obiettivo generale del progetto è rafforzare detta capacità, contribuendo al cambiamento della situazione attuale tramite la creazione di strumenti di governance congiunti e modelli didattici e formativi condivisi.A beneficiare delle azioni previste saranno in particolare le scuole e le università nell’area del Programma attraverso tre Output. Il primo riguarda la creazione di un Documento strategico di modelli didattici condivisi con linee guida, metodi comuni e contenuti condivisi su temi sia culturali e linguistici, sia ambientalistici e naturalistici che verrà realizzato all’interno di una Rete di cooperazione transfrontaliera formata da scuole, università, centri di ricerca ed enti delle minoranze nazionali e linguistiche. Il secondo prevede la realizzazione di una formazione condivisa per docenti che attuerà il trasferimento dei sopra citati modelli didattici nell’ambiente scolastico e universitario. Il terzo Output riguarda la predisposizione di un Documento strategico congiunto tra le università e i portatori d’interesse per una più agevole gestione delle pratiche amministrative di riconoscimento dei titoli e delle qualifiche professionali per studenti e laureati transfrontalieri nel settore dell’istruzione, prevedendo la creazione di materiali e servizi di supporto alle università e una contestuale formazione degli operatori.L’approccio di “rete” tra docenti scolastici e universitari, ricercatori e operatori proposto dal progetto è indispensabile al fine di rafforzare la cooperazione transfrontaliera nel settore di riferimento, proponendo di unire le conoscenze teoriche all’avanguardia e le esperienze “sul campo” sviluppate in entrambi i Paesi. Il progetto è inoltre originale e innovativo sotto il profilo della diffusione delle tecnologie nel settore dell’istruzione, promuovendo l’uso di materiali didattici on-line ed e-learning.

Risultati principali: 

Il progetto vuole incrementare la capacità delle autorità pubbliche e dei portatori di interesse nel settore dell’istruzione nel quadro della cooperazione e della governance transfrontaliera con la creazione di una rete funzionale di cooperazione transfrontaliera tra scuole, università, centri di ricerca ed enti delle minoranze nazionali e linguistiche. La rete opererà secondo un documento strategico condiviso sulle sfide comuni e soluzioni congiunte in ambito didattico su temi sia culturali e linguistici, sia ambientalistici e naturalistici, come per es. la didattica delle lingue minoritarie, regionali e del vicino e la didattica sui rischi associati allo sfruttamento del suolo e al cambiamento climatico. Le suddette capacità verranno incrementate attraverso i seguenti risultati specifici:•migliore capacità istituzionale transfrontaliera nella gestione e attuazione di politiche di coesione tra i sistemi d’istruzione per affrontare le sfide comuni nel campo della didattica;•maggiore efficacia nella gestione e coordinamento transfrontalieri delle risorse pubbliche nel campo della didattica;•consolidamento di capacità di lavoro in partenariato e reti transfrontaliere e di competenze nella comunicazione interculturale tra enti nell’ambito dell’istruzione;•migliore conoscenza della lingua del Paese confinante tramite supporto all’insegnamento delle lingue minoritarie e del vicino;•maggiore utilizzo di tecnologie dell'informazione e comunicazione sia nella governance transfrontaliera dei sistemi d’istruzione sia nella didattica;•maggiore integrazione tra maggioranze e le minoranze nazionali e linguistiche;•creazione di contatti e canali di comunicazione e collaborazione per arginare l’emergente disgregazione sociale e favorire la coesione sociale;•migliore inclusione sociale e integrazione di giovani migranti e rifugiati presenti nel sistema d’istruzione pubblica in quanto gruppi svantaggiati e vulnerabil. Il progetto vuole incrementare la capacità delle autorità pubbliche e dei portatori di interesse nel settore dell’istruzione nel quadro della cooperazione e della governance transfrontaliera, in particolare per quanto riguarda la formazione dei docenti e l’agevolazione del riconoscimento dei titoli e delle qualifiche conseguiti nel Paese confinante.Le suddette capacità verranno incrementate attraverso i seguenti risultati specifici:•migliore formazione congiunta dei docenti sulle metodologie e gli strumenti innovativi di didattica transfrontaliera, di didattica delle lingue minoritarie, regionali e del vicino e di didattica sui rischi associati allo sfruttamento del suolo e al cambiamento climatico;•gestione coordinata e coesa tra le università delle prassi di riconoscimento dei titoli e delle qualifiche dei laureati in discipline con sbocchi professionali nel settore dell’istruzione;•sviluppo di attività di orientamento e supporto agli studenti e laureati in scienze della formazione primaria per una più facile gestione delle prassi amministrative di riconoscimento dei titoli e delle qualifiche acquisite nel Paese confinante anche attraverso la formazione di operatori presso i servizi e uffici delle università; •maggiore mobilità transfrontaliera nel settore dell’istruzione per studio e lavoro;•crescita inclusiva dell’area del Programma attraverso l’aumento e la qualità dell’occupazione, in particolare quella giovanile, e il mercato del lavoro transfrontaliero nel settore dell’istruzione;•acquisizione di conoscenze e competenze culturali, linguistiche e tecniche tra i soggetti coinvolti al fine di salvaguardare in maniera più efficace le risorse culturali e ambientali;•maggiore conoscenza dei rischi associati allo sfruttamento del suolo e al cambiamento climatico;•miglioramento qualitativo dei modelli didattici, dell’insegnamento e dei livelli di performance dei sistemi scolastici come fattore chiave per rafforzare la competitività dell’area.

Partner

Il progetto vede coinvolti i seguenti partner associati:

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, UNIVERSITÀ E RICERCA – UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

L'ufficio scolastico regionale (USR) è un ufficio periferico del Ministero dell’Istruzione, Università e ricerca italiano.L’Ufficio in particolare:vigila sul rispetto delle norme generali sull'istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni, sull'attuazione degli ordinamenti scolastici, sui livelli di efficacia dell'azione formativa e sull'osservanza degli standard programmati;cura l'attuazione delle politiche nazionali per gli studenti;provvede alla gestione amministrativa e contabile delle attività strumentali, contrattuali e convenzionali di carattere generale, comuni agli uffici dell'amministrazione scolastica in ambito regionale;integra la sua azione con quella dei comuni, delle province e della regione e cura i rapporti con questi enti, per quanto di competenza statale, per l'offerta formativa integrata, l'educazione degli adulti, nonché l'istruzione e formazione tecnica superiore e i rapporti scuolalavoro; vigila sulle scuole non statali paritarie e non paritarie, nonché sulle scuole straniere in Italia;assegna alle istituzioni scolastiche le risorse finanziarie e umane;verifica e vigila al fine di rilevare l'efficienza dell'attività delle istituzioni scolastiche e di valutare il grado di realizzazione del piano per l'offerta formativa;esercita le attribuzioni in materia di contenzioso del personale della scuola e del personale amministrativo in servizio presso gli uffici scolastici periferici, assumendo legittimazione passiva nei relativi giudizi.Il Partner associato fornirà un valore aggiunto per la realizzazione delle attività, in quanto sarà nostro referente per le questioni legate al sistema scolastico statale in Friuli Venezia Giulia. Esso verrà costantemente informato sulle attività progettuali in corso e invitato a partecipare agli eventi.

MINISTRSTVO ZA IZOBRAŽEVANJE, ZNANOST IN ŠPORT

L’ufficio di riferimento presso il Ministero per l’istruzione, la scienza e lo sport della Repubblica di Slovenia (Ministrstvo za izobraževanje, znanost in šport RS) è l’Ufficio per lo sviluppo dell’istruzione. L’Ufficio svolge i propri compiti di concerto con i Consigli di Settore presso il Consiglio dei ministri della RS e collabora con la rete europea d’informazione Eurydice alla valutazione dei sistemi scolastici, alla gestione dei progetti di coesione dell’UE e alla predisposizione di piattaforme per le attività di ricerca scientifica nell’ambito della formazione primaria e secondaria, della formazione superiore di indirizzo tecnico, della formazione permanente, dell’educazione musicale e dell’educazione di bambini e giovani diversamente abili. Inoltre, l’Ufficio coordina e segue le attività di ricerca in ambito internazionale che stanno alla base della pianificazione di nuove politiche nel settore dell’istruzione e della formazione. Il Partner associato fornirà un valore aggiunto per la realizzazione delle attività, in quanto sarà referente per le questioni legate al sistema scolastico statale in Slovenia. Esso verrà costantemente informato sulle attività progettuali in corso e invitato a partecipare agli eventi.

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA-DIREZIONE CENTRALE LAVORO, FORMAZIONE, ISTRUZIONE, PARI OPPORTUNITÀ, POLITICHE GIOVANILI, RICERCA E UNIVERSITÀ-AREA ISTRUZIONE, FORMAZIONE E RICERCA

L’Area istruzione, formazione e ricerca, provvede all’esercizio delle funzioni regionali in materia di istruzione e assicura il coordinamento delle azioni di competenza della Regione e degli enti locali a servizio delle istituzioni scolastiche autonome, sostenendo lo sviluppo della loro offerta educativa e didattica. In particolare attraverso specifiche linee d’intervento supporta l’insegnamento delle lingue e culture delle minoranze linguistiche storiche, al fine di sviluppare nel mondo della scuola la dimensione del plurilinguismo, di valorizzare, nell’ambito degli interventi educativi, la ricchezza rappresentata dalle diversità culturali, storiche e linguistiche presenti in Friuli Venezia Giulia e di trasmettere valori educativi nei giovani verso la conoscenza e il confronto con realtà educative territorialmente vicine.Il Partner associato fornirà un valore aggiunto per la realizzazione delle attività, in quanto sarà referente per le questioni legate al sistema scolastico statale in Friuli Venezia Giulia. Esso verrà costantemente informato sulle attività progettuali in corso e invitato a partecipare agli eventi.

Partner capofila

SLOVENSKI RAZISKOVALNI INŠTITUT/ISTITUTO SLOVENO DI RICERCHE

Trieste
ITA

Partner progettuale n.1

INŠTITUT ZA NARODNOSTNA VPRAŠANJA

Osrednjeslovenska
SLO

Partner progettuale n.2

SOCIETÂT FILOLOGJICHE FURLANE – SOCIETÀ FILOLOGICA FRIULANA

Videm
ITA

Partner progettuale n.3

Univerza v Novi Gorici

Goriška
SLO

Partner progettuale n.4

Università Ca' Foscari Venezia

Venezia
ITA

Partner progettuale n.5

UNIVERZA NA PRIMORSKEM/UNIVERSITÀ DEL LITORALE

Obalno-kraška
SLO

Documenti di progetto

Poster evento annuale 30/05/2018Poster evento annuale 30/05/2018
EDUKA2_ITA.pdf
( 507 byte, pubblicato il 11 Giugno, 2018 - 18:03 )

Obiettivi e attività

OBIETTIVI PRINCIPALI DEL PROGETTO

Il progetto vuole rafforzare la capacità di cooperazione istituzionale nel settore dell’istruzione. Le autorità pubbliche mobilitate sono scuole e università assieme a alcuni operatori chiave quali centri di ricerca ed enti delle minoranze nazionali e linguistiche che si occupano di didattica. Si intende pianificare e realizzare soluzioni congiunte a sfide comuni con particolare riferimento allo sviluppo di strumenti di governance congiunti e a modelli didattici condivisi.

 

SITUAZIONE ATTUALE DELL’IMPLEMENTAZIONE PROGETTUALE (30/05/2018)

È stata creata la Rete di cooperazione transfrontaliera EDUKA2 composta dai PP e da oltre trenta istituti scolastici all’interno della quale operano diciotto gruppi transfrontalieri di lavoro formati da docenti e ricercatori che stanno realizzando modelli didattici condivisi tra i sistemi d’istruzione nell’area del Programma e attività di supporto alla realizzazione di uno spazio comune transfrontaliero di formazione e lavoro, in particolare per gli insegnanti.

Contatti

SLOVENSKI RAZISKOVALNI INŠTITUT/ISTITUTO SLOVENO DI RICERCHE

0039 040636663
Via/ul. Beccaria 6, 34133 Trieste, Italia
Vidau Zaira

INŠTITUT ZA NARODNOSTNA VPRAŠANJA

00386 (0) 12001872
Erjavčeva 26, 1000 Ljubljana, Slovenija
Zver Sofija

SOCIETÂT FILOLOGJICHE FURLANE – SOCIETÀ FILOLOGICA FRIULANA

0039 0432501598
Ul. Manin 18, 33100 Videm, Italija
Medeot Feliciano

Univerza v Novi Gorici

00386 (0) 53315223
Rožna Dolina, Vipavska cesta 13, 5000 Nova Gorica, Slovenija
Toroš Ana

Università Ca' Foscari Venezia

0039 0412348337
Dorsoduro 3246, 30123 Venezia, Italia
Coonan Carmel Mary

UNIVERZA NA PRIMORSKEM/UNIVERSITÀ DEL LITORALE

00386 (0) 56117500
Titov trg 4, 6000 Koper/Capodistria, Slovenija
Mezgec Maja